Sicurezza e libertà non sono gratuite

Dichiarazione dell'FDP sull'attuale conflitto in Ucraina

Nel cuore stesso dell’Europa si stanno dispiegando forze armate e soffiano sempre più insistenti i venti di guerra. Si ricorre alla minaccia di far ricorso alla violenza, si utilizza la forza e si agisce tramite la disinformazione. La sovranità e l’integrità territoriale degli Stati sono rimesse in causa e si fa strame del diritto internazionale. L’attuale situazione di crisi lo dimostra una volta di più: sicurezza e libertà non vanno dati per scontati e non sono gratuiti. La Svizzera deve quindi impegnarsi per la sicurezza e la pace sul piano internazionale, in paticolare in seno all’ONU e all’OSCE. D’altro canto, la crisi ucraina mostra chiaramente l’importanza di avere a disposizione un esercito ben equipaggiato e ben preparato e che l’acquisto degli aerei da combattimento è urgente. Perché le minacce di tipo convenzionale sono reali e tutto fuorché fittizie.

Il PLR è preoccupato dall’attuale situazione in Europa in materia di politica di sicurezza. Il riconoscimento dell’indipendenza delle regioni ucraine di Lugansk e Donetsk da parte della Russia rappresenta una violazione del diritto internazionale, dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina, così come degli accordi di Minsk. Questa situazione sul nostro continente è estremamente preoccupante e inaccettabile.

La diplomazia internazionale è chiamata a dare il proprio contributo per disinnescare la situazione. La Svizzera e il DFAE, sotto la guida del Presidente della Confederazione Ignazio Cassis, possono analogamente giocare un ruolo in questo contesto grazie ai nostri buoni uffici. Ma ciò presuppone che i belligeranti siano disposti a sedersi al tavolo delle trattative.

La crisi in corso lo dimostra: la politica di sicurezza è un tema più attuale che mai. La difesa della sicurezza e della libertà è un compito centrale per lo Stato. Per questo, è necessaria una politica di sicurezza moderna con un esercito ben equipaggiato. Ciò significa quindi che l’acquisto di aerei da combattimento moderni è urgente e necessaria. Ma la crisi ucraina mostra anche che la sicurezza va preparata a livello internazionale. L’ONU e l’OCSE rivestono in questo senso un ruolo importante nella prospettiva di una soluzione pacifica dei conflitti. Il principio seguente va applicato: il diritto prima della forza. È nell’interesse della Svizzera.

PLR.I Liberali Radicali. Avanti insieme.

Thierry Burkart
Arnaud Bonvin
Jon Albert Fanzun
Floriane Wyss