Jon Fanzun eletto nuovo Segretario generale PLR

Philippe Nantermod guiderà la campagna per le elezioni federali 2023

A partire dal 1 gennaio 2022, sarà Jon Fanzun il nuovo segretario generale del PLR svizzero. La conferenza dei presidenti cantonali del partito (CPP) l’ha eletto questa sera all’unanimità a succedere alla dimissionaria Fanny Noghero. Il partito ringrazia di cuore Fanny Noghero per il suo instancabile impegno in favore del PLR. La CPP ha eletto anche il segretario generale aggiunto nella figura di Michael Mandl, che continuerà anche a ricoprire la funzione di segretario del Gruppo parlamentare PLR alle Camere federali. Infine, il vice presidente PLR e Consigliere nazionale Philippe Nantermod è stato scelto quale nuovo capo strategia per la campagna in vista delle elezioni federali 2023.

[Translate to Italiano:]

[Translate to Italiano:]

La conferenza dei presidenti cantonali del PLR (CPP) ha eletto questa sera all’unanimità Jon Fanzun quale nuovo segretario generale del partito. Fanzun succede a Fanny Noghero, che ha rimesso il proprio mandato in seguito alla partenza di Petra Gössi, ed entrerà in carica il 1 gennaio 2022. Il partito ringrazia di cuore Fanny Noghero per il suo instancabile impegno in favore del PLR e dei valori liberali radicali negli ultimi anni. Le auguriamo il meglio per la sua futura carriera professionale.

Jon Fanzun – 51 anni, engadinese – vanta vent’anni di esperienza nella politica federale e internazionale e conosce bene il PLR. Tra il 2005 e il 2009 ha infatti ricoperto il ruolo di segretario politico e segretario del gruppo parlamentare del partito radicale svizzero. In seguito, Fanzun è stato collaboratore personale di Didier Burkhalter e di Ignazio Cassis. Da oltre tre anni ricopre il ruolo di Inviato speciale per la politica estera e di sicurezza in ambito cyber per il DFAE. Il nuovo segretario generale del PLR parla correntemente le quattro lingue nazionali e rappresenta quindi perfettamente il PLR quale partito saldamente radicato in tutte le regioni del Paese.

“Voglio ringraziare tutti gli organi del partito e in particolare la CPP per la fiducia che mi ha accordato e sono particolarmente felice di poter affrontare questa nuova sfida. Con la nuova presidenza, con il segretariato generale e con tutto il PLR, mi impegnerò al massimo per il nostro partito e per i valori liberali radicali che esso incarna”.

Il presidente PLR, Thierry Burkart, si è detto particolarmente soddisfatto per la futura collaborazione con il nuovo segretario generale:

“Jon Fanzun ha tutte le carte in regola per ricoprire questo ruolo e vanta un’eccellente esperienza. Sono convinto che saprà dare uno slancio prezioso al segretariato generale e a tutto il partito”.

La CPP ha anche scelto all’unanimità il segretario generale aggiunto, ruolo che sarà ricoperto da Michael Mandl. Mandl è collaboratore del segretariato generale dal 2015 e ha assunto nel 2017 il ruolo di segretario del gruppo parlamentare PLR alle Camere federali, funzione che continuerà a ricoprire.

Philippe Nantermod è il nuovo capo campagna

Il vice presidente PLR e Consigliere nazionale Philippe Nantermod è invece stato eletto all’unanimità quale nuovo capo campagna in vista delle elezioni federali 2023. Succede così al Consigliere agli Stati Damian Müller, che ha rinunciato all’incarico a causa di nuovi impegni professionali che non gli avrebbero permesso di dedicare il tempo necessario alla campagna. Il ruolo del capo campagna è quello di definire la strategia per le elezioni 2023 e dirigere il comitato nazionale eletto a tale scopo. Il PLR vuole accendere la fiamma liberale radicale per assicurare il successo del partito alle federali 2023.

“Non vedo l’ora di poter iniziare questa sfida. Sarà imperativo trasmettere la motivazione e il dinamismo del partito ai nostri membri e, in fin dei conti, a tutte le svizzere e tutti gli svizzeri. Vogliamo vincere le elezioni del 2023 e mobilitare le forze liberali radicali per riuscirci”.

Philippe Nantermod, Consigliere nazionale e vice presidente PLR.

PLR.I Liberali Radicali. Avanti insieme.